UnoMagliaValdarninsieme Azzurra si Arrende Stop al Volley Giocato.

Azzurra Migliorini, forte opposto mancino del Valdarninsieme, è stata una delle artefici della scalata dalla D del sodalizio valdarnese. Ora, dopo numerose visite ortopediche e i vari specialisti consultati, deve arrendersi ai problemi fisici che l’hanno torturata per tutta la stagione, e lascia, speriamo momentaneamente, vista anche la giovane età, il volley giocato.

 

 photo5784949390547465440

 photo5784949390547465439

 photo5784949390547465437

Azzurra, come ha già ampiamente annunciato e dettagliatamente spiegato anche sui social, lascia a malincuore una passione ed un amore, uno sport che l’ha accompagnata per gran parte della propria vita. Sicuramente una perdita grave nello scacchiere Valdarninsieme, e difficilmente rimpiazzabile al momento, per le difficoltà di organico del sodalizio Unomaglia. Coach Lapi si dichiara dispiaciuto sia sul lato umano, per un atleta che è cresciuta nell’ambiente valdarnese e che il tecnico conosce dall’età di 15 anni, e sia dal punto di vista tecnico, per le qualità dell’opposto mancino, sicuramente un punto di forza del team Valdarninsieme.
Azzurra raggiunta al telefono dal coach ha dichiarato: Grazie Marco per le belle parole, lo sai, non potevano che impormi di smettere perché probabilmente avrei continuato anche rovinandomi definitivamente. Il percorso di guarigione non sarà facile e probabilmente non mi porterà nemmeno verso una nuova stagione ma quel che spero è di tornare a condurre un buon stile di vita, prima di qualsiasi cosa.
Dire ciao al Valdarninsieme (da giocatrice) non sarà facile. In questi mesi non ho ben metabolizzato la situazione, sicuramente sarà dura quando ad Agosto le mie compagne ripartiranno e io no.
A questa realtà io devo tutto. Devo il giocatore che sono e la persona che sono diventata, ringrazio ogni singola persona che ha creduto in me sin dal primo giorno, che non ha mai mollato e che è riuscita a farmi sentire come a casa.
Grazie a tutti, ma soprattutto grazie a Marco Lapi. È stato un piacere lavorare insieme; quando ero una ragazzina che lo faceva dannare e adesso che bene o male mi reputo una persona adulta e con una mentalità totalmente differente.
A presto!
Il vostro numero 5.
Aspettando il suo ritorno, ad Azzurra vanno i nostri ringraziamenti per tutto ciò che ha fatto, e i nostri più grandi in bocca al lupo per una veloce guarigione, convinti di vederla ancora in palestra, adesso come tifosa e in un futuro, speriamo breve, nuovamente in campo.